Scatti di memoria. Dispositivi fototestuali e scritture del sé

13,30

Scritti tra il 1992 e il 2011, Le Voile noir di Anny Duperey, Reliques di Henry Raczymow, Mes bureaux di Jean-Philippe Toussaint, Y penser sans cesse di Marie Ndiaye non coprono certo l’intera gamma di interferenze che la fotografia può produrre quando è coniugata alla scrittura. Attestano tuttavia le principali modalità attraverso le quali il dispositivo fotoletterario modella e ridefinisce le scritture del sé e, più in generale, le forme dell’immaginario francese contemporaneo, che spesso ricorre ad altri codici espressivi per rivitalizzare generi e contenuti. In modo diverso le quattro opere ci trasmettono la necessità del soggetto di cercarsi (senza necessariamente ritrovarsi) attraverso la fotografia quale forma di mediazione, e di raccontarsi attraverso la scrittura. Ci narrano altresì la posizione del soggetto nel mondo, il suo sguardo sull’immagine e sulla letteratura.

[edgtf_button size="small" type="outline" text="INDICE" custom_class="" icon_pack="font_awesome" fa_icon="" link="https://metauroedizioni.it/wp-content/uploads/2020/07/9788861561700_indice.pdf" target="_self" color="" hover_color="" background_color="" hover_background_color="" border_color="" hover_border_color="" font_size="" font_weight="" margin=""]

Informazioni aggiuntive

Dimensioni 19,5 × 12 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Scatti di memoria. Dispositivi fototestuali e scritture del sé”